​Il PLRT dice sì ai giovani

30.11.2018

#Rassegna stampa

Sono molto contento che il Congresso ha accettato il mio emendamento per inserire nel programma di legislatura - nella scheda formazione - il potenziamento dell'insegnamento della lingua tedesca. La proposta - presentata con una mozione in Gran Consiglio da Alessandra Gianella e Fabio Käppeli a nome di GLRT - vuole rafforzare la coesione nazionale e creare nuove opportunità di lavoro per i giovani.

Da sempre il nostro Cantone - e in particolare alcuni rami economici come il turismo - hanno un rapporto di amicizia con il tedesco. Inoltre, grazie all'apertura di Alptransit e all'adesione del Ticino alla Greater Zürich Area, la Svizzera interna è ancora più vicina. Ma non solo: conoscere il tedesco ci permette di far vivere la coesione nazionale e, quindi, il piccolo miracolo elvetico.

Il Ticino è legato alla Svizzera interna, ma per poter andare oltre Gottardo e beneficiare delle opportunità di lavoro, è necessario saper capire e sapersi esprimere in tedesco. E nel suo insegnamento, purtroppo il Ticino pecca.

Nel suo rapporto alla mozione, il Governo - col DECS in testa - ha dimostrato di essere lontano dalla realtà e scarsa lungimiranza a leggere le difficoltà dei giovani. Fortunatamente, il PLRT ha invece dimostrato di capire le necessità dei giovani ticinesi e di volerli sostenere con misure concrete e che aiutano realmente la quotidianità di chi va oltre Gottardo per gli studi o per l'apprendistato.

Vogliamo un Ticino che rafforza la coesione nazionale e che crea nuove opportunità di lavoro verso nord per i giovani ticinesi: #facciamolo!

Condividi: Facebook - Twitter

Post: Precedente - Indice - Successivo

« Il successo non si misura sui soldi che hai guadagnato ma sulla differenza che sei riuscito a fare nella vita delle persone. »

Michelle Obama

responsiva.ch